Cultura in città

Cagliari sa offrire molto al visitatore che voglia coniugare il sole, il mare e l’ambiente con le occasioni di arricchimento culturale. Il turista potrà infatti visitare ed emozionarsi davanti a meravigliosi monumenti, alle bellezze delle zone archeologiche o ai tesori custoditi nei diversi musei della città.

La Cittadella dei Musei è appunto la sede dei musei più importanti di Cagliari, ricavati nella zona dell’antico Regio Arsenale, e comprende: la Pinacoteca con i suoi meravigliosi retabli (grandi altari dipinti in legno), il Museo Archeologico Nazionale con la ricchissima collezione di oggetti ordinati dalla preistoria all’Alto Medioevo, il Museo d’Arte Siamese “S. Cardu” ricco di oggetti provenienti dall’Estremo Oriente e la Raccolta delle Cere Anatomiche di Clemente Susini realizzata a Firenze tra il 1803 e il 1875.

Oltre a tutto ciò, esistono e sono operativi  attualmente in città sei centri culturali (il Lazzaretto di Sant’Elia, l’Ex Mattatoio, il Ghetto degli Ebrei, l’Ex Vetreria, il Castello di San Michele e Villa Muscas, il Museo Cardu e la Galleria Comunale) che assicurano un’offerta culturale varia e articolata, proponendo mostre, esposizioni, corsi, congressi e conferenze che danno alla città una vera fisionomia culturale e che arricchiscono le giornate di turisti e cittadini.

Riguardo le iniziative di spettacolo, accanto al teatro lirico, fiore all’occhiello per l’intera Sardegna, nel cui foyer vengono allestite mostre di notevole spessore culturale che accompagnano tutta la stagione lirica e sinfonica, opera una serie di teatri che vivacizza e rende varia l’offerta teatrale spaziando dalla prosa al teatro sperimentale.

Infine, in diversi periodi dell’anno si svolgono in città feste, sagre e riti religiosi di grande fascino e suggestione che diventano un’occasione preziosa non solo per ammirare costumi multicolori, ma anche per capire meglio culture antiche e tradizioni secolari.